La raccolta e la lavorazione

La fase di raccolta ha inizio nei primi di Ottobre e può protrarsi fino alla metà di Dicembre. Le migliori olive vengono raccolte a mano per essere molite a freddo e quindi diventare olio entro le 12 ore dalla raccolta.

Questa è una fase molto delicata in quanto se le olive non vengono raccolte al momento giusto si rischia di compromettere la qualità dell’olio che si otterrà. Le olive subito dopo la raccolta vengono trasportate al frantoio all’interno di cassette in plastica traforate che garantiscono la salubrità e l’integrità delle stesse. Qui vengono preparate per la molitura e ripulite da polvere, rametti e fogliame. Quindi vengono lavate con acqua fredda e passate su griglie vibranti per eliminare le restanti impurità.

Fondamentale nel produrre un buon olio di oliva è mantenere sempre perfettamente pulita ogni parte del nostro frantoio.

Negli impianti a ciclo continuo la frangitura è condotta da moderni frangitori a martelli che schiacciano le olive su un cilindro forato. La gramolatura consiste nel tritare le olive uniformemente avendo cura che la temperatura non superi mai i 25°C. Infatti il sistema di estrazione dell’olio è quello a freddo. Ciò consente che il frutto, delicatamente pressato, produca un olio ad elevatissima densità dal colore verde intenso, dall’aroma speziato ed erbaceo e dal sapore fruttato.

Una politica aziendale attenta alle esigenze del consumatore prevede l’esecuzione di diversi test che valutano le caratteristiche organolettiche dell’olio ovvero: gusto, aroma, colore, limpidità e densità. Questi esami rigorosi garantiscono che il prodotto imbottigliato finale meriti l’etichetta di: “OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA”.

Stoccaggio e Imbottigliamento

L’olio, per la tutela della sua qualità, viene stoccato in recipienti di acciao inox lontano dalla luce e da fonti di calore, tutto ciò al fine di assicurare condizioni ottimali di conservazione del prodotto.